IBM z15: il cloud sicuro e privato di cui avete bisogno

Il cloud sta diventando sempre più importante, predominante e sicuro. Sempre più aziende migrano le loro applicazioni nel cloud. Prendendo atto di questo trend, IBM ha sviluppato l’ultima generazione mainframe. Il modello più recente mainframe z15 è stato progettato secondo il mantra "the cloud you want with the privacy and security you need".

  #IBM Z   #Mainframe   #IBM   #IBM LinuxONE   #Hybrid Cloud   #Near Zero Downtime   #Cloud Services   #Cloud Security   #Strategia Cloud  

IBM z15 offre alle aziende la possibilità di gestire i dati dei clienti in ambienti ibridi multi-cloud garantendo quindi la loro protezione. Per la prima volta un unico computer è in grado di codificare il traffico dati in un tale ambiente ibrido in modo continuato e di controllarlo.

 

Una continua separazione delle competenze

Con «Pervasive Encryption» i dati vengono codificati e decodificati subito e possono essere letti solo da applicazioni e utenti autorizzati. È vero che i gestori dati possono mettere al sicuro e ripristinare i file e le banche dati, ma non sono in grado di decodificare il contenuto. In questo modo si può raggiungere una continua separazione delle competenze (segregation of duty).

Insieme allo z15 e al nuovo software «IBM Data Privacy Passports V1.0 beta program» la protezione dei dati viene estesa agli altri sistemi e agli ambienti cloud.

Con il «Secure Service Container» ed il «zCX Container Extention» Docker Container e Red Hat OpenShift entrano nella piattaforma Z di IBM in un ambiente codificato e separato.

Inoltre le funzioni della scheda di compressione dati zEnterprise (zEDC) sono state integratesu ogni processore chip. Grazie a questo, si possono ora effettuare compressioni molto più rapidamente con minori risorse CPU.

 

Spegnere ed avviare con maggiore rapidità

Con z/OS 2.4 e il nuovo z15 potete spengere e riavviare lo z/OS con molta più rapidità. Questa nuova funzione si chiama «System Recovery Boost». Così si possono creare per breve tempo dei processori CP dai vostri zIIP senza che questo comporti un rialzo dei costi software IBM.

La nuova piattaforma z15 permette di riunire i vantaggi delle già esistenti applicazioni z/OS con quelli di servizi cloud tipo Container, Kubernetes e altri su un’unica piattaforma. E questo, non da ultimo, con una sicurezza e disponibilità quasi impossibile da raggiungere per altre piattaforme.

 

1.000.000.000.000 di transazioni sul web al giorno

IBM z15 ha il dodici percento in più di processori e il 25 percento in più di memoria rispetto al modello che lo ha preceduto e può eseguire secondo IBM mille miliardi di transazioni al giorno sul web. Il sistema offre dei tempi di latenza 30 volte inferiori rispetto al modello precedente. Gli utenti possono scalare in un unico sistema z15 2,4 milioni di Container Linux (Docker). Con il LinuxOne III di IBM si può gestire un private cloud sicuro, dinamico, stabile e scalabile con Secure Service Container e/o Linux for System Z. È identico allo z15 ma senza il supporto z/OS.

UMB vi può accompagnare sulla vostra via verso il multi-cloud ibrido con dinamismo e offrendovi la propria consulenza. Sapevate che lo z15 è stata la prima piattaforma ad avere introdotto gli algoritmi di firma digitale «quantum-safe»? Gli sviluppatori della piattaforma Z di IBM pensano oggi già a futuri attacchi alla sicurezza. Conoscete forse un’altra piattaforma con un tale potenziale? State certi che in futuro verranno lanciate molte altre nuove funzioni. Non esitate a contattarci se siete interessati a ricevere ulteriori informazioni in merito.