Metti il cloud in cima alla lista dei desideri!

La pandemia ha inevitabilmente influenzato le strategie digitali di molte aziende: ciò ha portato come conseguenza ad un maggiore utilizzo delle tecnologie cloud. Il cloud è ormai diventato una componente fissa dell’infrastruttura IT nella maggior parte delle aziende. Chi non ne fa utilizzo, dovrebbe aggiungerlo alla propria lista dei desideri.

  #AWS   #Cloud Governance   #Cloud Services   #SAP Cloud   #Microsoft Azure   #Hybrid Cloud   #Cloud Workplace as a Service  

“Il cloud computing riguarda il modo in cui si gestiscono le infrastrutture IT, e non di dove queste vengono gestite“, ha detto una volta Paul Maritz, l’ex CEO di VMware. In altre parole: il cloud computing modifica l’approccio della strategia IT di un’azienda, non solo la posizione dei server. Che questo nuovo approccio alle tecnologie cloud apporti evidenti vantaggi, lo ha ormai capito la maggior parte dei responsabili del settore IT di piccole e grandi imprese. Uno studio di IDG ha chiesto ai responsabili del settore IT dei paesi di lingua tedesca maggiori informazioni su questi vantaggi[i].

 

Il cloud rende flessibili e riduce i costi

Nella maggior parte dei casi è per i loro costi minori e la loro flessibilità che si sceglie di usare un cloud. Ma si parla anche di voler raggiungere un utilizzo più flessibile delle risorse, un maggiore livello di sicurezza e l’aggiornamento automatico dei software. Non è solo il grado di utilizzo dei servizi cloud ad aumentare, ma anche il livello di soddisfazione raggiunto: quasi la metà dei CIO intervistati stima che il 50-70% dei propri workload sia già gestito nel cloud. Per un altro 20% degli intervistati questa percentuale è già compresa tra l’80 e il 90%. Il grado di soddisfazione degli utenti risulta elevato: circa il 60% è contento e soddisfatto del cloud, mentre solo il 6% risulta insoddisfatto.

 

Dal Private Cloud al Multi Cloud

Il sondaggio di IDG mostra che più della metà dei responsabili del settore IT preferisce il proprio private cloud. Tuttavia quest’ultimo viene sostituito sempre più spesso dal modello multi-cloud.  Ciò aumenta  la complessità della gestione dell’infrastruttura: oltre il 70% degli intervistati lavora con diversi fornitori di servizi cloud. Tale cooperazione è oggi più semplice che mai. Numerosi provider affermati (ad esempio Microsoft Azure, AWS, Google Cloud Platform, Oracle Cloud oppure IBM) offrono servizi cloud e sono quindi in grado di soddisfare un’ampia gamma di richieste. La vasta offerta cloud oggi disponibile può talvolta rendere difficile riuscire a scegliere il fornitore più adatto. 

 

Cloud significa sicurezza

Il cloud è un luogo molto sicuro per l’elaborazione e il salvataggio di dati. Uno dei grandi vantaggi del cloud è la mancanza dell’intervento umano: quando i dati del cloud vengono hackerati, spesso la causa è imputabile a errori umani. L’anno scorso Kaspersky ha condotto uno studio che ha dimostrato che l’integrità dei dati in cloud pubblici in nove casi su dieci è violata per mezzo della tecnica del social engineering[ii] (manipolazione dei dati che sfrutta l’errore umano). In altre parole: il 90% delle violazioni sulla sicurezza di dati aziendali presenti nel cloud sono causate dagli utenti del cloud, e non dai provider dello stesso. Ecco quindi un altro aspetto che rende il cloud più sicuro: chi lavora con più fornitori può ridurre al minimo le proprie perdite in caso di guasti.

 

UMB è un leader nel settore del cloud

Secondo il provider ISG Lens, la società svizzera UMB è uno dei leader 2020 nel settore del public cloud[iii]. Se anche nella vostra azienda volete usufruire di cloud, di processi commerciali più fluidi, di investimenti ridotti e di infrastrutture IT più flessibili, possiamo aiutarvi: aggiungete i servizi cloud di UMB nella vostra lista dei desideri. Siamo specialisti in datacenter, cloud e connessioni e abbiamo i migliori partner, il know-how necessario e le infrastrutture adeguate. Contattateci.

 

[i] Studio Hybrid IT 2021 (scaricate qui gratis)

[ii] https://www.techradar.com/news/90-percent-of-data-breaches-are-caused-by-human-error

[iii] https://research.isg-one.com/reportaction/Quadrant-PC-Switzerland-2020-DE/Marketing