La carta frena l‘automatizzazione dei processi commerciali.

Uno dei maggiori ostacoli presente sulla via della digitalizzazione è dato dal fatto che in molte aziende numerosi documenti sono disponibili solo in forma analogica. Trasportare documenti di tal genere nell’era digitale risulta complesso e può comportare dei costi elevati. Tuttavia, conviene trasformare informazioni su cartaceo in dati digitali, affinché questi possano essere elaborati con la infrastruttura IT disponibile.

  #Digital Workplace   #Robotic Process Automation   #Business Automation  

Anche nell’era digitale, secondo i dati ufficiali, nell’Archivio Federale Svizzero vengono attualmente custoditi circa 60  chilometri(!) di materiale documentario[1] - di cui la maggior parte in formato cartaceo. E sebbene l’era digitale stia già nel frattempo per compiere 40 anni, ogni anno si aggiunge circa un chilometro e mezzo di altro materiale cartaceo. Nella maggior parte delle organizzazioni la situazione non è certo delle più rosee (per non dire che è disperata), ma è comunque fuori discussione che ci siano ancora in troppe aziende documenti – ad esempio fatture – che vengono elaborate in formati analogici, senza che vengano effettuate delle copie digitali.  

OCR è un’importante chiave

I tempi in cui il riconoscimento di testo digitale era ancora come puntare un numero alla roulette, sono fortunatamente passati. Tuttavia anche le soluzioni moderne non sono sicure al cento per cento – la qualità del modello gioca qui un ruolo importante – ma la precisione è di solito impressionante. Oggi c’è una grande offerta di soluzioni OCR basate sull’intelligenza artificiale. Tali applicazioni riconoscono e rilevano testi su documenti stampati con grande precisione e permettono la loro estrazione. Solo grazie alla trasformazione in formato digitale di tali testi stampati o anche scritti a mano, diventa poi possibile il loro futuro utilizzo nei sistemi digitali. Non c’è alcun dubbio che OCR possa fornire un importante contributo all’automatizzazione dei processi commerciali e nello specifico anche all’automatizzazione dei processi supportata dai robot (RPA). Tuttavia è altrettanto certo che nel processo digitale non ha per lo più alcun senso stampare documenti per poi di nuovo scansionarli. La miglior qualità di processo può essere raggiunta solo attraverso  una conseguente digitalizzazione.

 

Cosa è OCR in RPA?

L’automatizzazione robotica dei processi (RPA) vuole eliminare l’intervento umano con l’utilizzo di “robot“ [2]. In tale circostanza si devono raggiungere due obiettivi di lungo termine: da una parte l’eliminazione di errori e inefficienze, dall’altra trasformare le risorse di lavori di esiguo valore aggiunto in mansioni complesse ed efficaci. OCR e RPA si integrano in modo eccellente, e permettono un guadagno in efficienza, che nel migliore dei casi può essere tramutato in un chiaro vantaggio concorrenziale.

Una moderna soluzione OCR può essere perfettamente integrata in complesse automatizzazioni di processi commerciali.  In questa occasione si può persino attuare una formula mista considerando sia interventi totalmente supportati da robot, sia interventi di natura umana per verificare i risultati incerti.  

 

UMB vi può offrire consulenza riguardante OCR e darvi supporto 

Quando si tratta di avere delle soluzioni adeguate per la vostra automatizzazione commerciale, alla UMB siete proprio al posto giusto. Vi possiamo offrire consulenza e dare supporto per quanto concerne l’impiego di tecnologia OCR. Potete semplicemente contattarci.

 

[1] https://www.bar.admin.ch/bar/de/home/archiviazione/documenti-analogici.html

[2] https://www.umb.ch/blog/news/detail/rpa-la-chiave-sulla-trasformazione-digitale