Green IT: enormi risparmi energetici con LinuxONE di IBM.

Prestazioni di altissima qualità e un’informatica rispettosa dell’ambiente non si escludono a vicenda, come dimostra IBM con LinuxONE di ultima generazione. Il modello di punta è una piattaforma altamente scalabile basata su Linux e Kubernetes e sulla nuova tecnologia z16. LinuxONE Emperor 4 di IBM funziona esclusivamente con Linux e offre, oltre a prestazioni di grande portata rispetto a server x86 comparabili, una riduzione massiccia del consumo energetico, dello spazio necessario e dell’impronta di CO2. Vantaggi che in questo momento sono di un valore inestimabile.

  #IBM  

Sostenibilità è una parola d’ordine che è sulla bocca di tutti, soprattutto in relazione al consumo di energia. Secondo uno studio di IBM, quasi la metà di tutti i CEO sostiene che l’aumento della sostenibilità sia una priorità assoluta per la propria azienda[i]. Tuttavia il 51% dei CEO considera la sostenibilità anche come una delle sfide più importanti. Per questi amministratori delegati, la scalabilità della propria azienda con infrastrutture moderne è spesso uno degli ostacoli verso il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità. Di fatto è una grande sfida ottenere la sostenibilità e, allo stesso tempo, un ritorno sugli investimenti (ROI) misurabile. La tecnologia rappresenta il fattore decisivo per raggiungere questo obiettivo.

 

L’IT verde fa risparmiare energia

È noto che i data center consumano un’enorme quantità di energia e possono rappresentare una parte consistente del consumo di energia di un’azienda[ii]. Qui entra in gioco LinuxONE Emperor 4 di IBM. Il sistema offre la scalabilità necessaria per supportare migliaia di workload su un’unica piattaforma – sotto il titolo popolare di «Green IT». I risultati di uno studio interno hanno dimostrato che il consolidamento dei workload Linux su cinque sistemi LinuxONE Emperor 4 di IBM – invece di eseguirli su server x86 equivalenti in condizioni simili – può ridurre il consumo di energia del 75%, la superficie del data center del 50% e le emissioni di CO2 di oltre 850 tonnellate all’anno[iii]. LinuxONE Emperor 4 è progettato per compensare le risorse con capacità on-demand; i carichi di lavoro possono essere scalati in modo dinamico e non distruttivo. I clienti possono aumentare la capacità attivando i core inutilizzati, senza incrementare il consumo energetico. Inoltre si può monitorare il consumo di energia con Instana Observability di IBM su LinuxONE e così si riesce a comprendere meglio la propria posizione in una scala basata sull’efficienza e sulla sostenibilità. Grazie a queste caratteristiche, LinuxONE Emperor 4 è in grado di ottimizzare i data center e di soddisfare i severi requisiti a essi associati.

 

Protezione dei dati con crittografia end-to-end

Il LinuxONE Emperor 4 dispone del nuovo chip dual-processor z16 di Telum, funziona con 5,2 GHz e ha 16 core in 7 nanometri di tecnologia chip. Per ogni sistema vengono installati fino a 40 TByte Redundant Array di Independent Memory (RAIM). Il nuovo modello si trova in vendita con un massimo di 200 core configurabili. I nuovi sistemi LinuxONE codificano i dati end-to-end, sia a riposo che in funzione, il che è estremamente importante per i clienti che operano in settori altamente regolamentati, come quello finanziario. Questo profilo completo di tutela dei dati garantisce il supporto dei protocolli di sicurezza informatica attuali e futuri. LinuxONE Emperor 4 di IBM supporta un gran numero di workload Linux e Red Hat OpenShift, incluso Data Serving, Core Banking e Digital Assets.
I manager IT hanno bisogno di un sistema facile da usare, che supporti strumenti utili e che offra sicurezza per il futuro. LinuxONE vi permette di concentrarvi sulla fornitura di nuovi servizi piuttosto che sulla gestione della complessità di un gran numero di server. Basato su Linux e Kubernetes, sia gli sviluppatori che i manager usufruiscono di standard aperti e di un ecosistema che include moderni strumenti DevSecOps e i cloud-native.

 

Per data center forti e sostenibili: UMB e IBM

I sistemi LinuxONE di IBM sono progettati per ottimizzare i data center riducendo il consumo energetico e aumentando l’efficienza. Gli esperti descrivono il LinuxONE Emperor 4 di IBM come il sistema basato su Linux più efficiente, scalabile e sicuro che sia mai stato prodotto[iv]. È disponibile da settembre su scala mondiale. I sistemi entry-level e di fascia media seguiranno nella prima metà del 2023.
I data center ad alta disponibilità liberano tutto il loro potenziale se vengono realizzati in modo intelligente e azionati con strumentazione moderna. UMB ha il know-how e i partner per supportarvi nella realizzazione di data center con successo. IBM e UMB collaborano con successo da decenni. UMB è il primo e il maggiore Platinum Business Partner di IBM in Svizzera e contemporaneamente il partner di IBM con più certificazioni in Svizzera, contandone ben oltre 350. Trasformate subito il vostro data center in uno strumento efficiente e sostenibile che vi aiuti a realizzare progetti strategici a lungo termine. Non esitate a contattarci.

 

[i]IBM Study: Sustainability Ranks Among Highest Priorities on CEO Agendas

[ii]I data center svizzeri sperperano così tanta energia

[iii]IBM LinuxONE Emperor 4 carbon footprint report

[iv]IBM’s New LinuxONE Emperor 4 – Big Blue’s Big Green Bet