A proteggere il flusso dei dati ci pensano i SaaS del cloud.

Privati, aziende, stati e altre organizzazioni producono un’incredibile quantità di dati. Solo l’anno scorso si è giunti a livello mondiale a una quantità di 59 zettabyte[i] – questo corrisponde a un miliardo di terabyte o a un trilione di gigabyte. Gran parte di questi dati richiede protezione. I Software as a Service (SaaS) al posto dei metodi di salvataggio tradizionali rappresentano una scelta che mira all’efficienza e perciò sempre più richiesta. In confronto ai metodi di salvataggio tradizionali i Software as a Service (SaaS) mirano all’efficienza e riscuotono perciò sempre più successo.

  #Backup as a Service   #Backup Recovery   #Commvault   #Microsoft Azure   #Cloud Services   #Strategia Cloud   #Cloud Management Portal   #Cloud Governance  

Backup as a Service (BaaS) è una parte dei servizi di messa in sicurezza dei dati di tale tipologia offerta dal cloud. I Backup as a Service (BaaS) fanno parte di tali servizi di protezione dati forniti dal cloud. Non tutti i servizi BaaS hanno lo stesso valore[i]. Alcuni possono mettere in sicurezza quasi tutto e sono in grado di far fronte alle esigenze della maggior parte delle aziende. Altri invece servono aziende minori oppure si concentrano su specifiche applicazioni software as a Service, ad esempio Microsoft 365, dove si tratta poi della messa in sicurezza di dati tramite trasferimento da un cloud all’altro. Sempre più aziende hanno dipendenti che lavorano da casa, da cui in molti casi scaricano anche dati aziendali su dispositivi personali. Il BaaS permette di mettere al sicuro dispositivi di quel genere e i dati salvati.

 

SaaS per la completa messa al sicuro dei dati nel cloud

L’aumento del numero di dipendenti che lavora in modalità home office provocato dalla pandemia ha comportato in quest’ultimo anno un’enorme crescita di popolarità del cloud. Ciò non ha lasciato alle aziende alcuna altra alternativa se non quella di migrare nel cloud. E questo ha fatto sì che i criminali informatici prendessero di mira gli uffici di casa, portando di conseguenza ad una forte crescita di attacchi ransomware. Pertanto la sicurezza IT non è mai stata così tanto richiesta[ii], e secondo le previsioni, il mercato per software as a Service (SaaS) in base al principio di scalabilità dei software a cui si è abbonati in futuro costituirà la fetta più grande del mercato sulla sicurezza[iii]. Le soluzioni SaaS offrono abbonamenti semplici, costi prevedibili e non richiedono alcun investimento di capitali oppure uno molto piccolo – questo le rende un’opzione pratica e appetibile che consente di concentrare le risorse finanziarie sulle spese di rete, hardware e infrastrutture.

 

I servizi backup richiedono una protezione dati a 360 gradi

Un backup completo dei dati tramite hosting significa che i responsabili per la sicurezza dati in un’azienda non vorranno mai più avere a che fare con installazione, configurazione o grandi investimenti preliminari. Perciò, ormai da tempo, molte aziende non si chiedono più se devono trasferire i loro workload backup dati nel cloud, bensì quali workload bisogna dapprima trasferire là. I modelli SaaS, come quello che offre il colosso del backup Commvault[iv] con il nome di “Metallic”, superano di gran lunga l’offerta dei servizi BaaS. L’offerta include una protezione contro gli attacchi informatici grazie a copie protette e non modificabili dei dati nonché tramite controlli di sicurezza più severi che impediscono l’accesso ai dati backup a persone prive di autorizzazione. A causa della continua minaccia costituita dal ransomware, una protezione come questa risulta attualmente di grande importanza per le aziende operanti in qualsiasi settore.

 

Specialisti della protezione dati

Commvault ha introdotto Metallic già in molti paesi europei, in Israele e negli USA. Viene offerto Metallic per Office 365, Metallic per endpoint di comunicazione (per la protezione di desktop e laptop, incluso Apple-Mac-Hardware) e Metallic Core, che permette ai clienti di mettere al sicuro i workload nel cloud, ma anche di salvare copie collegamenti sull’infrastruttura locale, per rendere possibile un ripristino più rapido. I clienti più fedeli possono inoltre utilizzare la loro memoria sul cloud Azure di Microsoft oppure la memoria cloud di Amazon Web Service (AWS) come destinazione di backup.

 

UMB diventa market builder di Commvault

Nel 2020 UMB ha raggiunto lo status di partenariato market builder di Commvault come fornitore esclusivo di servizi IT della Svizzera ed è al contempo l’unico Service Advantage+ Partner svizzero con una certificazione Commvault Master. Questo è il risultato di innumerevoli progetti Commvault di successo e garantisce un know-how di prima categoria per tutti i vostri progetti Commvault. Se si tratta di progetti per il backup dei dati, l’archiviazione, il Disaster Recovery as a Service, il Backup as a Service o il Metallic di Commvault, trovate in noi proprio l’interlocutore giusto. Non esitate a contattarci per ricevere ulteriori informazioni.

 

[i] https://searchdatabackup.techtarget.com/feature/6-data-backup-service-providers-to-watch

[ii] www.umb.ch/blog/news/detail/nell’era-ransomware-la-sicurezza-dati-deve-essere-rigorosa

[iii] https://www.globenewswire.com/news-release/2020/12/28/2150667/0/en/Security-as-a-Service-SaaS-Market-to-reach-US-26-billion-by-2025-Insights-on-Trends-COVID-19-Impact-Analysis-Regulatory-Landscape-Growth-Opportunities-and-Future-Outlook-Adroit-Mar.html

[iv] https://www.umb.ch/tags/commvault